Cosa sono i modelli di prezzi a livelli

Richiedi una demo

I modelli di prezzi a livelli o ladder pricing cercano di offrire a clienti diversi i prezzi secondo i servizi di cui hanno bisogno. È una strategia da applicare maggiormente ai servizi in abbonamento, come quello dello streaming musicale o di video. Possiamo vedere degli esempi di continuo su piattaforme come Spotify, su cui i clienti pagano solo per le funzionalità e le caratteristiche di cui hanno bisogno, potendo scegliere tra diversi livelli di abbonamento. In questo modo viene offerta loro una flessibilità extra e la possibilità di optare per servizi di maggior qualità se lo desiderano, il che si ripercuote in un’esperienza di acquisto più soddisfacente. Ti spieghiamo i benefici di questa strategia dei prezzi e come applicarla affinché tu possa valutare la sua idoneità nel tuo e-commerce.


Vantaggi dei prezzi a livelli o ladder pricing 

Da una parte i prezzi a livelli contribuiscono ad aumentare il margine di profitto dell’e-commerce, visto che gli utenti percepiscono che i livelli superiori sono migliori per rapporto qualità-prezzo. Vengono quindi offerte loro migliori funzionalità o più prodotti per un prezzo proporzionalmente più basso. Questo pregiudizio cognitivo, allineato con l’effetto esca, farà sì che i clienti siano più predisposti a pagare una somma maggiore di denaro. Per questo motivo la decisione di acquisto sarà più rapida e agile, riducendo in questo modo il tasso di abbandono.

Parallelamente, con i prezzi a livelli è più facile combattere con la concorrenza, visto che puoi modificare via via i prezzi di certi livelli in maniera strategica per offrire a ogni target un servizio attraente. Per questo ti conviene studiare il tuo pubblico e scoprire quali segmenti presentano una maggior sensibilità ai prezzi.

Vantaggi dei prezzi a livelli o ladder pricing

Fissa tre scaglioni per un primo approccio ai prezzi a livelli  

Pacchetto essenziale o starter

Per un prezzo piuttosto basso includi in questo livello funzionalità limitate, se parliamo di servizi online, o un numero ridotto di prodotti. Il suo obiettivo è attirare nuovi clienti interessati al suo prezzo basso. Sono clienti a cui, poco a poco, mostrerai i vantaggi che ancora hanno a disposizione nei livelli superiori.

Livello standard o medio 

Servizi di maggior qualità e un maggior volume di prodotti a un prezzo competitivo. Questo è solitamente il livello scelto da un’ampia percentuale di utenti, considerando che non tutti vogliono ciò che un pacchetto VIP o premium offre. Il punto a favore è che sono consumatori più facili da fidelizzare e che mantengono un rapporto duraturo con il brand.

Pacchetto premium o VIP 

In questo livello devi includere il meglio che la tua azienda può offrire, sia parlando di prodotti che di servizi, e anche di assistenza clienti. Il modello premium va collegato a un’esperienza di acquisto superiore che può includere da sconti speciali fino ad altri privilegi, come l’accesso esclusivo a nuove collezioni o funzionalità. Anche se ha un prezzo più alto, il motivo per cui può interessare è dato da non aver valorizzato troppo il pacchetto intermedio, proprio con lo scopo di generare un effetto richiamo.

Infine, queste variazioni nei prezzi permettono agli e-commerce di arrivare a un pubblico più ampio e con diverse esigenze. Per questo se conosci il tuo audience e conti su una buona segmentazione, puoi valutare l’implementazione dei prezzi a livelli. Inoltre, nel caso in cui la tua concorrenza non conti su questo modello di ladder pricing, puoi differenziarti e incrementare il valore della tua compagnia davanti agli occhi degli utenti. Analizza le strategie dei prezzi dei tuoi competitor e anticipa i loro movimenti.

Maria Jose Guerrero
Content Manager
Richiedi una demo

Un software leader nel monitoraggio dei prezzi della concorrenza 24/7 per distributori e produttori