La vendita digitale e i prezzi dinamici hanno aperto un’importante stagione in materia di guerra all’insegna della competitività. E questo condiziona tutte le parti coinvolte nel mercato: marchi, e-commerce e consumatori. In questo frangente, vogliamo trattare il modo in cui la guerra dei prezzi condiziona settori che coprono un’ampia varietà di prodotti, fra i quali si trovano quelli di base e di prima necessità. In questo articolo, parleremo della guerra dei prezzi nei settori della bellezza, dell’igiene e della profumeria.

Ai giorni d’oggi, siamo più che abituati a veder sorgere nuove catene di profumerie low cost, con vendita fisica e online, con una gamma quasi infinita di prodotti e, in molti casi, pioniere nell’includere prodotti innovativi ed estranei ai loro cataloghi. Ad ogni modo, tutte fanno capo alla stessa massima: creare una specie di drugstore con un gran peso in tema di bellezza, igiene e profumi, che abbia sempre i prezzi più economici sul mercato.

Inoltre, queste catene devono lottare sempre più contro nuove private label o marche private, rafforzate dai negozi stessi. È il caso del Carrefour o della Lidl, che da qualche anno investono più che mai nei loro propri prodotti di igiene e bellezza, arrivando persino a ottenere premi di qualità, come nel caso della crema per il viso della Lidl.

Essendo tutte avvolte da questo paradigma, risulta imprescindibile tenere in conto tre aspetti: la filosofia del marchio di ciascun prodotto, l’immagine del retailer e la percezione da parte degli stessi utenti.

La guerra dei prezzi nel settore della bellezza è caratterizzata da una situazione di sconti continuiofferte di tipo 3x2 a qualsiasi ora e pacchetti promozionali che trovano il loro riflesso nelle mid season sales degli e-commerce di moda. Qual è l’impatto di questo costante ribasso dei prezzi? Nel Regno Unito, nel 2016, solo sommando i quattro pilastri in materia di supermercati (Tesco, Sainsbury’s, Asda e Morrisons), 800 milioni di sterline sono andati perduti.

Ad ogni modo, la gravità della questione risiede nella grande distopia che questa guerra dei prezzi presuppone per gli utenti. Ed è che con la percezione che c’è chi vende lo stesso prodotto a un 30% o persino un 50% in meno rispetto ad altri e-commerce, come potrebbe non fare una cattiva impressione chi vende a un prezzo più ‘giusto’?

Talvolta, questi shop (quelli che riescono a vendere i prodotti a un prezzo che per altri implicherebbe quasi solo recuperare i costi) hanno un vantaggio extra: l’investimento inizialeCosti fissi più bassi sin dall’inizio, acquisti senza dazi da contratto e la possibilità di comprare in grandi quantità che permette loro di ottenere accordi unitari migliori. Questo è un chiaro vantaggio competitivo rispetto al resto dei negozi, che ha a disposizione meno possibilità e, pertanto, non ha margini sui quali agire.

Di fronte a questa situazione, vi sono due punti fondamentali: le misure degli stessi marchi affinché i propri prodotti non possano essere scontati o messi in promozione in alcun modo (qualcosa che caratterizza gli e-commerce con marchi del settore del lusso); e l’adozione di una strategia dei prezzi dinamici a medio termine.

Da una parte, la collaborazione degli stessi marchi per combattere la guerra dei prezzi incoraggia una stabilità nel settore e la presa di decisioni da parte dei consumatori. Questi continuano a porsi come referente e rifiutano nettamente l’invito a partecipare a questa lotta che sfocia nel low cost.

D’altra parte, gli e-commerce e gli shop che riescono a mantenere una strategia equilibrata, giusta nelle sue cifre e nella spesa da parte degli utenti, diventeranno, poco a poco, l’opzione prediletta dagli acquirenti. Fiducia e sicurezza saranno i due valori fondamentali del business, di fronte a un’ondata di prezzi “cangianti” e sempre più bassi, che possono essere percepiti come di bassa qualità.

Al momento, la guerra dei prezzi nel settore dell’igiene e della bellezza sembra dover durare ancora per qualche anno. Tuttavia, vi sono esperti che alludono a questo fenomeno come a una bolla alimentata da un nuovo concetto che incorpora il potere dei profili di tendenza, gli stessi influencer per esempio. Tuttavia, per attenuarne l’effetto, è sufficiente massimizzare il buon senso ed essere fedeli all’impegno del marchio, tanto rispetto agli utenti quanto rispetto alla sua stessa linea di business.


Richiedi una demo

Monitoraggio dei prezzi della concorrenza 24/7 per retailer e fabbricanti