Che cos’è il CPA e come ridurlo

Richiedi una demo

Il CPA o Costo per Acquisizione è il prezzo che un e-commerce paga per la pubblicità online con il fine di ottenere una conversione, che sia un lead o una vendita. Si tratta di un metodo di pagamento di annunci online nel quale l’inserzionista paga solo quando si verifica una conversione, motivo per cui la sua redditività è maggiore rispetto a quella di altri formati pubblicitari. Questo tipo di pagamento si può applicare tanto a Google Ads quanto alla pubblicità sui social media. Affinché gli annunci siano efficaci, devi verificare che il CPA sia inferiore al margine dei profitti. Puoi realizzare una stima precedente in base alla tua politica dei prezzi per determinare fino a dove può ascendere il tuo CPA. 


Per questo, in primo luogo devi sapere che il CPA si calcola dividendo l’investimento totale realizzato nella campagna per il numero di conversioni ottenute. La differenza con il CAC o Costo di Acquisizione del Cliente è che quest’ultimo fa riferimento al denaro investito nel conseguimento di una vendita, mentre che nel CPA parliamo di qualsiasi tipo di conversione, che sia un click, la registrazione in un modulo o il download di un file. 

Vantaggi di conoscere il CPA delle tue campagne 

Il vantaggio principale delle campagne con CPA è che paghi soltanto nel caso in cui si verifica una conversione, motivo per cui il ROI sarà maggiore. Ancora di più se riesci a chiudere una vendita. Allo stesso tempo, si tratta di una modalità pubblicitaria meno intrusiva dato che puoi combinare diverse call to action per attrarre l’utente, oltre alla tradizionale “Compra adesso”. 

A questo si somma che il CPA è una metrica chiave per conoscere l’efficacia delle tue campagne. Lo puoi includere fra le tue KIPs per facilitare il processo decisionale e migliorare il tasso di conversione nel medio e lungo termine. Inoltre, quest’informazione ti permetterà di ridurre il costo di acquisizione di azioni pubblicitarie future. Se a sua volta applichi i consigli seguenti, otterrai il risultato di affinare le tue campagne, poco a poco, aumentando i tuoi margini di profitto. 

CPA

Consigli per ridurre il CPA del tuo e-commerce 

Aumentare la qualità del tuo annuncio 

Quanto migliore è la qualità dell’annuncio, minore sarà il suo CPA. Per esempio, su Google Ads, se il tuo annuncio si trova sopra al livello di qualità medio, ovvero 5, il suo CPA si ridurrà di un 16% approssimativamente. La qualità si misura in base alle parole chiave selezionate e alle landing pages di reindirizzamento dell’utente. Puoi cominciare facendo rettifiche di offerta in funzione del CPA per parola chiave e ampliare la lista di parole chiave negative. Se hai dei dubbi, puoi anche mettere in atto vari test A/B per verificare quale annuncio funziona meglio. 

Da parte sua, la landing page deve essere semplice e convincente, una pagina che apporti valore e trasmetta dei messaggi chiari e diretti. Come risorse per mantenere l’attenzione dell’utente, puoi includere video o animazioni che risveglino il suo interesse ed eliminare i link in uscita per evitare che la sua attenzione venga deviata altrove.

Dotare di contenuti interessanti il tuo annuncio 

D’altra parte, quanto più efficace sarà l’annuncio, minore sarà il CPA, ottenendo un numero di acquisizioni maggiore. Dato che i clienti potenziali sono esposti a centinaia di annunci ogni giorno, devi cercare un modo per richiamare la sua attenzione con contenuti interessanti. Per questo puoi: 

  • Generare curiosità e produrre qualcosa di intrigante. 
  • Fare appello alle emozioni. 
  • Creare un legame con gli utenti. 
  • Impiegare risorse visive che diano nell’occhio. 

Ottimizzare l’investimento 

Grazie ai dati di rendimento della campagna che la maggior parte delle piattaforme offrono in tempo reale, puoi verificare se vi sono orari o giorni della settimana in cui il tasso di conversione aumenta o diminuisce notevolmente e adattare la visibilità del tuo annuncio in base a questo. L’obiettivo finale sarà identificare un modello di comportamento comune alle diverse ads

Grazie alle loro caratteristiche, gli annunci con CPA offrono l’opportunità di mettere in atto campagne di dynamic pricing con cui raggiungere diversi targets. Con una buona segmentazione dei pubblici e strumenti automatizzati, puoi adattare i prezzi tanto alle aspettative degli utenti quanto ai cambiamenti nel mercato. Tutto questo con la sicurezza che se un prezzo non è sufficientemente allettante e non genera conversione, non dovrai pagare l’annuncio.

Angela de la Vieja
Content Manager
Richiedi una demo

Un software leader nel monitoraggio dei prezzi della concorrenza 24/7 per distributori e produttori