Differenze tra prezzo di listino e prezzo netto

Richiedi una demo

Mentre il prezzo di listino è il prezzo massimo a cui può essere venduto un prodotto, il prezzo netto è quello a cui il cliente lo compra. Questa differenza tra prezzo di listino e prezzo netto è data dall’e-commerce, che può implementare una serie di sconti o strategie di pricing per cercare di ottenere un maggior tasso di conversione o un aumento del margine di profitto. Le variazioni tra questi due tipi di prezzo, secondo gli obiettivi dell’impresa, si possono controllare in maniera precisa e vincente con l’aiuto di uno strumento per il monitoraggio dei prezzi. Prima però ti spiegheremo nel dettaglio le loro differenze e la loro importanza.


Prezzo di listino: il valore massimo 

Per conoscere il prezzo di listino di un prodotto, quindi il suo prezzo massimo, devi partire dal prezzo di vendita raccomandato dal produttore. Questo prezzo già comprende tutte le spese di produzione dell’articolo e un possibile margine di profitto per l’e-commerce. A partire da questo valore iniziale devi analizzare le tue spese per la spedizione dei prodotti ai clienti e il margine di profitto che speri di ottenere. 

A questo si aggiunge il valore della brand image, l’immagine del marchio. Un marchio di prestigio quindi potrà aumentare il prezzo dei suoi prodotti visto che gli utenti considerano i suoi articoli unici o di miglior qualità e sono disposti a pagare di più. Una volta che hai ottenuto questo prezzo massimo, puoi decidere di applicare o meno sconti e offrire ai consumatori un prezzo netto diverso. 

Prezzo netto: l’opzione più attraente

Generalmente, un’alta percentuale di prodotti viene venduta a prezzo netto, dopo aver applicato uno sconto o un’offerta per gli utenti retailers o una riduzione di prezzi nei canali all’ingrosso. L’obiettivo dei prezzi netti è attrarre un maggior numero di potenziali clienti. Ciò nonostante, un fattore chiave da tenere in considerazione è che gli sconti non devono ridurre in gran quantità né sopprimere il margine di profitto dell’e-commerce. La tua strategia di pricing deve trovare l’equilibrio tra la generazione di leads e la solvibilità economica.

Prezzo di listino: il valore massimo

Benefici di offrire sconti sul prezzo di listino 

L’applicazione di sconti sul prezzo di listino permette di incrementare il volume di vendite, fidelizzare i clienti esistenti e generare un maggior engagement con loro, rinforzando così la loro fiducia nel marchio. Puoi creare campagne di offerte in giorni stabiliti, offrire coupon di sconto o lanciare promozioni post-vendita con sconti per acquisti successivi. 

Infine, queste fluttuazioni nei prezzi ti permettono anche di ottenere un vantaggio sulla competizione di altre aziende del settore. Se un competitor chiave decide di mettere in offerta i suoi prodotti a prezzo di listino a utenti maggiormente sensibili ai prezzi, puoi decidere di ridurre i tuoi con lo scopo di spostare la domanda verso il tuo e-commerce. Per questo, insieme ai fattori menzionati precedentemente, è essenziale realizzare un’analisi dei prezzi della concorrenza, tanto attuali come storici. In questo modo potrai costruire una solida strategia di pricing con cui soddisfare le necessità dei tuoi clienti e affrontare i tuoi competitor.

Richiedi una demo

Un software leader nel monitoraggio dei prezzi della concorrenza 24/7 per distributori e produttori