Price Matching, cos’è?

Richiedi una demo

È frequente trovare questo termine negli shop online ma cosa significa? Molti e-commerce, davanti all’impossibilità di proporre sempre il prezzo più basso sul mercato, offrono l’opportunità ai loro clienti di migliorare il prezzo se trovano un competitor più economico che lo commercializza. In questo modo, si ottengono due risultati: da una parte guadagnarsi una vendita per quei clienti sensibili al prezzo e dall’altra ottenere una fonte d’informazione sui prezzi della concorrenza.

Il price matching si verifica in due varianti:

  1. Prevendita: il negozio invita i clienti a informarlo dell’esistenza di prezzi inferiori, garantendo loro un’offerta minore qualora decidano di effettuare l’acquisto.

  2. Post-vendita: una volta realizzato l’acquisto, il negozio restituirà ai clienti la differenza qualora essi trovassero un’offerta inferiore entro un determinato numero di giorni.

Come possiamo vedere, il fine è sempre lo stesso, guadagnare delle vendite con quei clienti sensibili al prezzo. Ciò che occorre chiedersi è: quanti clienti perdiamo in prevendita perché questi non hanno voglia di avvisare il negozio dell’esistenza di un prezzo inferiore? È probabile che la maggior parte di questi clienti finisca per effettuare l’acquisto sull’e-commerce concorrente. Per questo motivo, un software di monitoraggio della concorrenza è opportuno per essere sempre competitivi, minimizzando le vendite perdute.

Nonostante i suoi vantaggi, uno dei principali inconvenienti del price matching è la necessità di verificare manualmente ciascuna delle richieste dei clienti, dato che potrebbero non essere sempre vere oppure potrebbero essere riferite a condizioni diverse, questo accade quando si confronta un prodotto nuovo e uno di seconda mano ad esempio, oppure due prodotti con diversi termini o tempi di consegna, ecc.


Angela de la Vieja
Content Manager
Richiedi una demo

Monitoraggio dei prezzi della concorrenza 24/7 per retailer e fabbricanti