Aumenta il tuo giro di affari online con gli Amazon Native Brands

Richiedi una demo

Gli Amazon Native Brands (ANB) o marchi nativi di Amazon, sono brand creati specificamente per vendere nuovi prodotti tramite il marketplace. Usano Amazon come il loro principale e quasi unico canale di vendita, concentrando i loro sforzi sul migliorare il posizionamento e sulla reputazione dentro questa piattaforma. Si tratta di un’opzione semplice con cui ampliare la propria attività, tramite la creazione di nuovi marchi unici per la vendita di prodotti su Amazon, o iniziare la propria attività online nel caso delle aziende più giovani. In entrambi gli scenari conviene conoscere i benefici di questo canale di vendite e valutare la sua compatibilità con le strategie aziendali e dei prezzi programmate. Da Minderest ti indichiamo i loro pro e contro.

L’obiettivo principale degli Amazon Native Brands è aumentare i profitti nel marketplace per poi fare il salto anche su altri canali di vendita, una volta raggiunto un importante posizionamento nell’ideologia degli utenti. Un esempio molto conosciuto di tale crescita è dato da Cecotec, un brand di elettrodomestici spagnolo nato su Amazon che è rientrato nel top of mind dei consumatori, prima nella penisola iberica e poi anche in altri paesi, grazie alla quantità dei suoi prodotti e le molteplici recensioni positive dei clienti soddisfatti.

Inizialmente, per far conoscere i prodotti, è fondamentale realizzare un’importante investimento negli annunci di Amazon, una strategia che a sua volta il marketplace premia con un miglior posizionamento per il brand. Parallelamente il catalogo dei prodotti deve essere organizzato in maniera più efficace e attraente e garantire una buona esperienza di acquisto per potenziare il ritorno e la fidelizzazione dei clienti.


Pro e contro degli Amazon Native Brands

Parlando degli aspetti positivi, iniziare a vendere i tuoi prodotti su Amazon è veloce e semplice. Basta seguire i passi evidenziati dallo stesso marketplace e inserire via via le pagine dei prodotti secondo il tuo inventario e i tuoi obiettivi di vendita. Si tratta inoltre di un modello di attività che può essere gestito da qualsiasi parte del mondo, che siano zone urbane o rurali.

Inoltre, questi nuovi brand nativi di Amazon beneficiano del grande riconoscimento di cui gode il marketplace, della fiducia che i clienti ripongono nel portale di vendite e, altro aspetto essenziale, dell’ampia visibilità che ottengono i suoi prodotti tra i milioni di utenti registrati su Amazon che entrano sul sito giornalmente.

Come valore aggiunto, la maggior parte degli Amazon Native Brands ricorrono solitamente al sistema FBA o Fulfillment by Amazon per la loro gestione logistica, il quale permette di liberarsi dei costi associati alla spedizione e alla consegna dei prodotti, così come della gestione dei resi.

Pro e contro degli Amazon Native Brands

Possibili aspetti negativi per i marchi nativi di Amazon

Uno dei principali aspetti negativi che può maggiormente danneggiare la crescita dei marchi su Amazon è le poche informazioni che si ricevono sui consumatori. Visto che gli utenti sono di Amazon e che quando si registrano cedono i loro dati al marketplace, non direttamente ai marchi, costruire e segmentare un database di clienti risulta più complicato che con un proprio e-commerce. Per questo motivo, le azioni di marketing, pubblicitarie e le offerte personalizzate devono essere dirette ai clienti tramite lo stesso marketplace.

A questo si aggiunge che Amazon impone ai suoi venditori politiche rigide orientate alla soddisfazione degli utenti. Tra di esse si trovano il mantenimento dei tempi di consegna o la garanzia che la qualità dei prodotti sia soddisfacente per i clienti. Come accade quando gli acquirenti comprano con fiducia su Amazon, allo stesso tempo quando qualcosa va storto è lo stesso marketplace che viene incolpato ed è una situazione che il gigante americano cerca di evitare a tutti i costi.

Nonostante questo, gli Amazon Native Brands offrono un’opportunità per ampliare l’attività online dei marchi e ottimizzare le loro vendite. Per raggiungere questo obiettivo, è essenziale poter contare su prezzi competitivi con cui concorrere con i competitor, tra cui può essere incluso lo stesso Amazon. Un modo efficace di riuscirci è tramite un software di monitoraggio dei prezzi con cui controllare automaticamente le variazioni dei prezzi delle aziende della concorrenza dentro al marketplace.

Richiedi una demo

Un software leader nel monitoraggio dei prezzi della concorrenza 24/7 per distributori e produttori